Articolo in evidenza
HomeMiscellaneaLa Grande Menzogna in cui viviamo

Viviamo nell’ignavia e apatia quotidiana, plagiati e bombardati dai media di regime. E non ci spingiamo mai oltre per cercare di comprendere la china discendente e inesorabile che sta colpendo tutti noi indistintamente.

La menzogna in cui viviamoOgni giorno ci svegliamo nella stessa stanza e ci predisponiamo a vivere esattamente come il giorno prima. Eppure, un tempo, ogni giorno era una nuova avventura. Lungo il percorso è cambiato qualcosa… e adesso i nostri giorni sono scanditi e programmati.

È questo ciò che significa essere cresciuti? Essere liberi? Ma siamo davvero liberi? Gli elementi stessi di cui abbiamo bisogno per sopravvivere sono di proprietà di multinazionali. Non c’è cibo per noi sugli alberi, l’acqua del rubinetto è inquinata e dobbiamo comprarla imbottigliata.

Scopriamo il mondo attraverso un libro di testo. Per anni ci sediamo e rigurgitare ciò che ci viene detto. Testati e classificati come soggetti in un laboratorio. Cresciamo senza fare la differenza in questo mondo, pensando di essere diversi. Abbastanza intelligenti per fare il nostro lavoro, non mettiamo mai in discussione il motivo per cui lo facciamo. Quindi lavoriamo (quando ce lo permettono) e il lavoro, è l’unico strumento per vivere la vita. Fino al giorno in cui siamo troppo vecchi per continuare a farlo. E’ qui veniamo lasciati a morire. I nostri figli, in questo gioco perverso del lavoro, ci sostituiscono prendendo il nostro posto.

Abbiamo solo un unico percorso: tutti insieme non siamo altro che combustibile. Il combustibile che alimenta l’élite. Élite che si nascondono dietro il logo di società. Questo è il loro mondo. E la loro risorsa più preziosa, siamo proprio noi. Costruiamo le loro città, corriamo con le loro macchine, combattiamo le loro guerre. Dopo tutto, il denaro non è ciò che li spinge. E’ il potere. Il denaro è semplicemente lo strumento che usano per controllarci. Pezzi di carta senza valore, un mero uso da cui noi dipendiamo per nutrirci, commuoverci o divertirci.

Ci hanno dato i soldi e in cambio noi abbiamo dato loro il mondo. Dove c’erano alberi che pulivano la nostra aria, ora ci sono fabbriche che ci avvelenano. Dove c’era acqua da bere, ora ci sono rifiuti tossici maleodoranti. Se una volta gli animali correvano liberi, ora ci sono allevamenti intensivi dove animali nascono e vengono macellati senza sosta, per soddisfare le finte nostre esigenze. Oltre un miliardo di persone soffrono la fame, nonostante ci sia cibo a sufficienza per tutti. Da dove viene e dove va tutto il 70% del grano coltivato? Serve ad ingrassare gli animali che ci mangiamo a pranzo e a cena. Perché non aiutare gli affamati invece?

InquinamentoSiamo come una piaga che sta infettando la terra, facendo a pezzi l’ambiente stesso che ci permette di vivere. Vediamo tutto come qualcosa da vendere, come un oggetto di nostra proprietà. Ma cosa succederà quando avremo inquinato l’ultimo fiume? Avvelenato l’ultima boccata d’aria? Quando non avremo più il gasolio per i camion che trasportano il nostro cibo? Quando capiremo che il denaro non può essere mangiato e che non ha alcun valore? Non stiamo distruggendo solo il pianeta. Stiamo distruggendo ogni forma di vita su di esso. Ogni anno migliaia di specie si estinguono. E il tempo sta per scadere.

Se si vive in America, c’è il 41% di probabilità di contrarre il cancro. La malattia di cuore uccide invece un americano su tre. Qui in Europa non siamo molto lontani da queste statistiche, sono cinquant’anni e passa che ci stiamo americanizzando. Prendiamo i farmaci che ci prescrivono i dottori per affrontare questi problemi, ma le cure mediche sono la terza causa di morte dietro il cancro e le malattie cardiache. Ci è stato detto che tutto può essere risolto se finanziamo gli scienziati in modo che possano scoprire una pillola per farci sparire tutte le nostre patologie. Ma le case farmaceutiche e le società di “cancropoli” si affidano alla nostra sofferenza per realizzare lauti profitti.

Quando pensiamo di curarci da una patologia ricorrendo a una cura, in realtà, stiamo fuggendo dalla vera causa. Il nostro corpo è il prodotto di ciò che consumiamo e, il cibo che mangiamo è progettato esclusivamente per il profitto. Ci riempiamo con sostanze chimiche e tossiche. I corpi degli animali sono infestati da malattie e ricolmi di farmaci. Ma noi non abbiamo occhi per vedere, poiché il piccolo gruppo di società che possiedono i media non ce lo diranno mai. Siamo immersi in una visione illusoria che ci viene propinata come realtà.

MatrixE’ divertente pensare che l’uomo una volta abbia pensato che la terra fosse al centro dell’universo. Ora, di nuovo, vediamo noi stessi come il centro di tutto. La nostra tecnologia è li a dirci che noi siamo più intelligenti. Ma veramente crediamo che computer, automobili, e fabbriche illustrino davvero come siamo intelligenti? Oppure ci mostrano come siamo diventati apatici, pigri, svogliati, ignavi. Abbiamo messo la maschera a questa “civilizzazione”. Ma quando questa realtà virtuale cesserà, lasciandoci completamente nudi sia dentro che fuori, cosa saremo veramente?

Ci siamo dimenticati che solo meno di cento anni fa abbiamo potuto permettere alle donne di votare; consentire ai neri di avere gli stessi diritti. Ci comportiamo come se fossimo esseri onniscienti, ma c’è molto che non riusciamo a vedere e capire. Camminiamo lungo la strada ignorando tutte le piccole cose: gli sguardi che si incrociano, ad esempio o le storie che si condividono. Vedendo tutto ciò come sfondo a noi stessi soltanto.

Forse abbiamo paura di essere soli, di essere solo una parte di un quadro molto più grande. Ma non riusciamo a stabilire la connessione. Stiamo bene uccidendo maiali, mucche, galline, stranieri in terre straniere. Ma non i nostri vicini, non i nostri cani, i nostri gatti, quelli che abbiamo imparato ad amare e capire. Chiamiamo ancora le altre creature stupide e primitive, giustificando le nostre azioni. Uccidiamo semplicemente perché possiamo farlo, perché lo abbiamo sempre fatto. Questo è un buon agire? Eppure, stiamo solo dimostrando quanto poco abbiamo imparato. Continuando ad agire in forma primitiva, piuttosto che comprendere ed esercitare la compassione.

La morte che ci circonda costantemente, sembra ancora così distante dalla nostra realtà quotidiana. Ma un giorno, questa sensazione che chiamiamo vita ci lascerà. I nostri corpi marciranno, i nostri oggetti resteranno solo un mero ricordo. Rimarranno solo le nostre azioni. 

La distruzione delle guerreViviamo in un mondo sull’orlo del precipizio. Le guerre di domani saranno dei vincitori. Per la violenza non ci sarà mai la risposta; distruggerà ogni possibile soluzione. Se tutti noi guardiamo al nostro desiderio più profondo, vedremo che i nostri sogni non sono così diversi da quelli degli altri. Condividiamo infatti tutti un obiettivo comune: la Felicità. Noi distruggiamo cercando di essere felici, senza mai guardare dentro noi stessi. Ma siamo davvero così felici con il nostro iPhone, le nostre grandi case, le nostre auto fantasiose? Molte delle persone più felici sono quelle che possiedono il minimo.

Ci siamo disconnessi dalla realtà. Idolatriamo persone che non abbiamo mai incontrato (vip, star, sportivi ecc.). Assistiamo la straordinarietà sugli schermi, l’ordinarietà ovunque. Aspettiamo che qualcuno ci porti il cambiamento, senza mai pensare di cambiare noi stessi. Smettiamo di aspettare il cambiamento. La razza umana non è sopravvissuta perché siamo più veloci o più forti, ma perché abbiamo lavorato insieme. Abbiamo imparato l’atto di uccidere. Ora dobbiamo padroneggiare la gioia di vivere.

Non si tratta solo di salvare il pianeta. Il pianeta sarà sempre qui, sia che ci saremo noi uomini o no. La Terra esiste da miliardi di anni, ognuno di noi sarà fortunato se arriverà ad ottanta anni. Siamo un lampo nel tempo, ma il nostro impatto resterà per sempre.

Oggi, abbiamo un’opportunità che non abbiamo mai avuto prima. Internet ci dà il potere di condividere dei messaggi e unire milioni di persone nel mondo. Mentre siamo ancora in grado, dobbiamo quindi usare i nostri computer come strumento per avvicinarci, piuttosto che per allontanarci.

Nel bene e nel male, la nostra generazione determinerà il futuro della vita su questo pianeta. Possiamo scegliere se continuare a servire questo sistema di distruzione fino a quando il ricordo della nostra esistenza scomparirà o possiamo svegliarci. Rendendoci conto che non stiamo evolvendo verso l’alto, ma cadendo… Siamo i volti di tutti coloro che sono venuti prima di noi. Ed ora è il nostro turno.

Possiamo scegliere di ritagliarci il nostro percorso fuori dai solchi già segnati o seguire la strada che hanno già preso innumerevoli altri senza creare il Cambiamento. Siamo noi tutti a scrivere la storia. La nostra storia… la loro storia, la storia di tutti.

Tratto dal video documentario: “The Lie We Live” di Spencer Cathcart

Trascritto in lingua inglese da: Freshtastical

Riadattato in lingua italiana da: ningizhzidda.blogspot.it

Fonte: http://whitewolfrevolution.blogspot.it/2015/02/la-grande-menzogna-in-cui-viviamo.html

Potrebbero interessarti...



Commenti

La Grande Menzogna in cui viviamo — 1 commento

  1. che si puo’ commentare a un articolo come questo, una descrizione dettagliata della realta’ in cui siamo immersi……

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Altri articoli nella categoria "Miscellanea"

L’inizio della fine del consumismo

Consumismo al collasso

di Lilia
Molti anni fa si pensava che in futuro avremmo lavorato di meno, che il tempo libero a disposizione sarebbe stato maggiore e ciò avrebbe di conseguenza apportato un miglioramento alla qualità della nostra vita.
Coloro che avevano presagito un futuro così roseo, resterebbero oggi sbalorditi dinnanzi ad una simile involuzione, che tristemente affligge la vita dell’uomo contemporaneo. Oggi lavoriamo molto di più e siamo più stressati dei nostri genitori e dei nostri nonni. Camminiamo velocemente, comunichiamo in modo essenziale e dormiamo meno delle generazioni che ci hanno…

Continua a leggere →

Le ideologie organizzate e la manipolazione delle masse

Contollo-delle-masse

Karl Marx diceva che la religione organizzata era l’oppio dei popoli. Marx non teneva però conto del ruolo che potevano avere le ideologie organizzate, che si potrebbe ben dire che fungono come “eroina” per i popoli. La fine dell’Ottocento e soprattutto tutto il Novecento sono stati il periodo d’oro delle ideologie organizzate, periodi segnati da guerre, genocidi e violenza perpetrati nel nome dell’ideologia, o meglio giustificati con essa.
Il problema non è tanto l’ideologia in sé come non lo è la religione, ma l’uso strumentale che ne viene fatto e il dogmatismo assolutista,…

Continua a leggere →

Conservare intatti i propri sogni per non morire dentro

Conservare intatti i propri sogni per non morire dentro

di Francesco Lamendola
Tutti gli esseri umani, al di là di ciò in cui dicono di credere e delle formule con le quali sono soliti ammantarsi, possono essere divisi in due sole, grandi categorie antropologiche: quella di quanti hanno saputo conservare i propri sogni e quella di coloro che li hanno seppelliti.
Questa ripartizione equivale, in sostanza, a quella solo apparentemente più drastica, tra quanti sono realmente “vivi”, con l’anima desta e pronta ad accogliere fervidamente il reale, e quanti sono, in realtà, “morti”: morti spiritualmente, morti dentro; anche se magari, non se ne…

Continua a leggere →

Teschi allungati di Paracas: risultati incredibili del test sul DNA

Teschi di Paracas

I “teschi di Paracas” sono stati trovati a Paracas, una penisola sul mare nella provincia di Pisco, nella regione di Ica a sud di Lima, presso la costa meridionale del Perù.
Gli abitanti di Paracas vivevano sulla costa e probabilmente erano discendenti di una popolazione giunta via mare. Era un popolo dedito alla pesca, infatti, sono stati trovati cumuli di conchiglie di mare e una rete sepolta nella sabbia e anche alcuni strumenti di pietra datati a circa 8.000 anni fa.

La scoperta risale al 1928, ad opera dell’archeologo peruviano Julio Tello, che nella zona di Paracas scoprì i…

Continua a leggere →

Buon Natale a tutti!

Buon Natale a tutti!

Buon Natale a tutti!
Un augurio di cuore a tutti coloro che ci seguono con affetto. Grazie per i vostri commenti e per la vostra simpatia. Un augurio a coloro che vivono queste feste nella gioia, quella autentica e non solamente consumistica, che è il vero scopo per cui si festeggia il Natale. Un augurio particolare a coloro che vivono questi giorni nella malinconia, a causa delle difficoltà imposte da una crisi che sta impoverendo molti, e a coloro che si trovano in una situazione di disagio interiore o di sofferenza fisica. Che Gesù possa portare a tutti noi un conforto e un motivo di…

Continua a leggere →

Come stanno funzionando i vostri Chakra?

I sette chakra

I 7 Chakra: le chiavi per manifestare ciò che desideri
Fin dalla nascita, possediamo sette preziose chiavi che ci permettono di ritrovare il nostro equilibrio fisico, mentale e spirituale. Sono i centri energetici attraverso cui fluisce tutta l’energia del nostro corpo… i 7 chakra.
Quando uno o più chakra sono deboli o bloccati, accade che alcune aree della nostra vita non siano affatto come le desideriamo e che questa energia stagnante possa addirittura portare a problemi di salute. Ecco perché è importante conoscerli da vicino e permettere alla nostra energia di fluire libera.
Potete scoprire come stanno funzionando i vostri 7 Chakra con questa breve guida…

Continua a leggere →

Sul pensiero creativo

Pensierio creativo

L’educazione può essere una benedizione o una maledizione. La scuola è ottima per molti aspetti, ma oggi omette – forse volutamente – moltissimi aspetti utili alla nostra crescita individuale. In particolare, ci sono diverse cose che nessuno ci insegna riguardo al pensiero creativo.
Tutti siamo creativi. Gli artisti non sono persone speciali, ognuno di noi è un artista a suo modo. Ognuno di noi è nato con una capacità spontanea di pensiero. L’unica differenza tra le persone creative e quelle che non lo sono, è una semplice credenza. I creativi sanno di essere creativi. Le persone…

Continua a leggere →

Stanislav Petrov: l’uomo che salvò il mondo!

Stanislav Petrov premiato

di Alesia Miguens
A volte, nella storia, è più importante quello che è quasi successo che non ciò che è realmente accaduto. E forse, ciò che più colpisce di queste incredibili storie di eroi così lontani dallo scintillio, sono le sincronicità che li circondano.
Voglio raccontarvi di come trentaquattro anni fa un uomo, del quale la maggior parte del mondo non ha mai sentito parlare, sarebbe diventato il più grande eroe di tutti i tempi, avendo “letteralmente” salvato il mondo da un’apocalisse atomica.
Correva l’anno 1983, in piena guerra fredda, tempi “bollenti” come mai era accaduto dalla crisi dei missili di Cuba. Il 23 marzo, il Presidente Reagan lanciò la sua…

Continua a leggere →

La Scienza è in mano ad una Casta

Randy Schekman

“Le principali riviste scientifiche distorcono il processo scientifico e rappresentano una tirannia che va spezzata”. Questo è il giudizio del premio Nobel per la medicina 2013: Randy Schekman.
Randy Schekman, è il biologo americano che ha vinto il premio Nobel per aver scoperto il meccanismo che regola il trasporto delle molecole nelle cellule, ed è anche la nuova icona anti-casta che lancia accuse violente, su un problema di cui in realtà si discute da tempo. “La scienza è a rischio: non è più affidabile perché in mano a una casta chiusa e tutt’altro che indipendente”. La…

Continua a leggere →

Rendi indimenticabile la tua giornata

Rendi indimenticabile la tua giornata

Questo è il momento perfetto per rendere memorabile la tua giornata, per farne qualcosa di prezioso e speciale, di cui in seguito potrai raccontare ai tuoi amici e conoscenti, aiutandoli in questo modo, a rendere anche il loro tempo, pieno di bellezza.
Ecco, qui di seguito elencati, alcuni suggerimenti utili per riuscirci:
– Prova qualcosa di completamente nuovo:
La varietà e il cambiamento sono ciò che realmente danno sapore alla vita. Puoi fare o vedere una cosa un milione di volte, ma solo in un’occasione potrai farla o vederla per la prima volta. Le nuove esperienze arricchiscono…

Continua a leggere →