Articolo in evidenza
HomeFisica QuantisticaSistemi Biologici e Teoria Quantistica

di Paolo Di Sia

Cercare di capire a fondo le basi quantistiche della biologia ed analizzarla dal punto di vista fisico-matematico sono una delle attuali sfide della scienza.

Fotosintesi

I Sistemi Biologici

Nel passato i sistemi biologici sono stati spesso visti come troppo complessi per essere penetrabili con metodi di natura fisico-matematica. La realtà “essere vivente” era considerata troppo articolata per poter essere analizzata da insiemi di equazioni differenziali e principi fisici.

All’inizio del XX secolo, con l’avvento di tecniche e strumenti più potenti e sofisticati, i ricercatori hanno iniziato a studiare in maniera più profonda ed articolata le possibili descrizioni fisiche e matematiche dei sistemi biologici microscopici. Tra i possibili vari esempi ricordiamo i modelli di Turing, che si avvalgono della potenza della computazione quantistica, la morfogenesi, ossia il processo che porta allo sviluppo della forma e della struttura di un organismo, i lavori di Schrödinger, da cui vennero previste molte delle caratteristiche funzionali del DNA.

Attualmente i progressi in questo campo sono rapidi e molti rami della fisica e della matematica hanno trovato applicazioni in biologia, come ad esempio i metodi statistici utilizzati in bioinformatica. A queste scale di lunghezza la fisica classica cede il passo a quella quantistica, che non può essere evitata, poiché ogni processo chimico si basa di fatto sulla fisica quantistica.

Allora esistono sistemi biologici che utilizzano la fisica quantistica per eseguire compiti che non possono essere realizzati da un punto di vista classico? E grazie alla fisica quantistica possono essere realizzati in maniera più efficiente di quanto possa avvenire anche con il migliore equivalente classico? La risposta sembra ad oggi essere affermativa. Negli ultimi dieci anni una serie di esperimenti ha riscontrato diversi casi in cui la Natura si avvale della fisica quantistica per ottenere vantaggi biologici, sfruttando in particolare “sovrapposizioni coerenti di stati” per assistere o migliorare una funzione biologica. In fisica quantistica alla materia viene associata un’onda e viceversa (è il cosiddetto “dualismo” onda-corpuscolo); le particelle vengono usualmente trattate come funzioni d’onda che evolvono nel tempo. Il principio di sovrapposizione gioca dunque un ruolo fondamentale nella spiegazione dei fenomeni osservati. Una “sovrapposizione coerente” significa che la misura sul sistema porta ad un risultato non incerto. Per questo motivo grande attenzione è stata posta all’osservazione della “coerenza quantistica” a temperatura ambiente per il trasporto di energia attraverso sistemi fotosintetici; si ritiene infatti che tale coerenza svolga un ruolo determinante nell’efficienza della fotosintesi per batteri e piante. Questo aspetto, sottolineiamolo, è puramente quantistico, non ha un equivalente classico; da qui il grande interesse relativo alla fisica quantistica.

Trasporto Quantistico Coerente di energia nella fotosintesi

La fotosintesi fornisce energia per quasi tutta la vita sulla terra. Questa energia, sotto forma di “pacchetti”, i cosiddetti “quanti” di luce, ossia i fotoni, viene assorbita dal “complesso antenna” (in inglese “antenna complex” o “light harvesting complex”, brevemente LHC). Il meccanismo è il seguente: si tratta di un insieme di proteine e pigmenti che trasferiscono l’energia luminosa dei fotoni ad una molecola di “clorofilla a” (le molecole BChl-a) del centro di reazione di un fotosistema, permettendo in questo modo la creazione di forme più stabili di energia chimica. Le strutture biologiche precise e i componenti del pigmento variano da organismo ad organismo, in risposta alla necessità di adattamento alle diverse condizioni fisiologiche e degli habitat naturali, anche in condizioni di scarsa illuminazione. Le molecole BChl-a sono legate ad un ponte di proteine, che da una parte risulta essere una fonte di decoerenza e rumore, ma dall’altra svolge un ruolo importante nell’avere un’alta efficienza di trasporto, fattore questo molto importante. Gli effetti quantistici aiutano pertanto il processo biologico considerato.

Trasporto Assistito in Ambiente

Molti modelli teorici sono stati attentamente considerati per spiegare la maggiore efficienza del trasporto, cercando di capire come la Natura utilizza la coerenza quantistica per avere effetti più efficaci di quanto sia possibile a livello classico. Dalle indagini sperimentali fino ad oggi svolte, si può affermare che l’obiettivo del “complesso antenna” precedentemente schematizzato sia quello di rendere massima l’efficienza del trasporto di un’eccitazione energetica dalla molecola BChl-a più vicina all’antenna alla molecola BChl-a più vicina al centro di reazione. Il tempo relativo al transito dell’eccitazione dalla molecola bersaglio al centro di reazione è piccolissimo, dell’ordine di 1 pico-secondo (1 pico-secondo (ps) = 10^(-12) secondi), ma risulta però “inferiore” a quello relativo alla perdita di energia dovuta a cause relative al processo (il rilassamento della fluorescenza ad esempio), che risulta dell’ordine di 1 nano-secondo (1 nano-secondo (ns) = 10^(-9) secondi); è quindi circa 1000 volte più piccolo.

L’eccitazione viene pertanto trasferita al centro di reazione più velocemente di quanto possa essere persa per altre cause connesse al fenomeno. E’ una conferma che la coerenza quantistica aiuta nel processo di trasporto? La risposta è affermativa, e sono state proposte diverse spiegazioni plausibili da un punto di vista fisico. L’osservazione a temperatura ambiente di questi effetti quantistici nei sistemi biologici sta offrendo considerevoli risultati. Una crescente quantità di prove suggerisce che la coerenza quantistica migliora l’efficienza delle “unità fotosintetiche”, anche se solo per pochi punti percentuali, ma questo si rivela tuttavia sufficiente e anzi determinante.

Le unità fotosintetiche sono strutture altamente organizzate che svolgono un ruolo centrale nel processo della fotosintesi clorofilliana. La fotosintesi clorofilliana trasforma l’energia elettromagnetica (i fotoni, i “quanti” di energia prima introdotti) in energia chimica e l’anidride carbonica in glucosio.

La realtà quantistica, con le sue “bizzarre” caratteristiche e le sue dinamiche spesso molto lontane dalle logiche “classiche” che vediamo nella vita di tutti i giorni, sta pertanto accrescendo la nostra comprensione delle leggi che governano la biologia e la vita attraverso gli strani fenomeni che stanno alla sua base.

Prospettive

Ancora molto lavoro rimane da fare per comprendere nei dettagli e per dare una decisiva convalida dello specifico ruolo della fisica quantistica in ambito biologico, ma il lavoro sperimentale attuale sta dando conferme e si è fiduciosi guardando al futuro prossimo.

Negli esperimenti le eccitazioni vengono create di norma mediante impulsi laser, attraverso dispositivi che emettono luce coerente; “in vivo” invece esse sono generate da luce solare incoerente o tramite trasferimento di energia da un complesso antenna ad un altro. Questo aspetto va studiato in maniera dettagliata.

Richiede ulteriori chiarimenti anche la accurata comprensione del piccolissimo, ma determinante miglioramento dell’efficienza, predetto dai modelli quantistici, che fornisce questi vantaggi di natura biologica. Alcune specie, come i solfobatteri verdi o le alghe, vivono in condizioni di luminosità molto scarsa. In tali casi, ogni piccolissimo miglioramento in termini di efficienza può essere “biologicamente” importante, ed è ciò che accade. Nuovi studi teorici e verifiche sperimentali forniranno ulteriori risultati e risposte alle domande della scienza del prossimo futuro e questo ci permette di comprendere sempre più in profondità i segreti ultimi della Natura e la potenza predittiva della modellizzazione teorica e della fisica quantistica che, assieme alla teoria della relatività di Einstein, costituisce un pilastro attualmente insostituibile per la scienza contemporanea.

Traccia bibliografica:

  1. (Nature, 2010) Collini, E. et al., Coherently wired light-harvesting in photosynthetic marine algae at ambient temperature, Nature 463, 644-648, 2010.
  2. Davies, P. C. W., Quantum Aspects of Life, London, Imperial College Press, 2008.
  3. (J. Chem. Phys., 2008) Jang, S., Cheng, Y-C., Reichman, D. R. & Eaves, J. D., Theory of coherent resonance energy transfer, J. Chem. Phys. 129, 101104, 2008.
  4. (J. Chem. Phys., 2012) Miller, W. H., Perspective: Quantum or classical coherence? J. Chem. Phys. 136, 210901, 2012.
  5. (Nature Chem., 2011) Scholes, G. D., Fleming, G. R., Olaya-Castro, A. & van Grondelle, R., Lessons from nature about solar light harvesting, Nature Chem. 3, 763-774, 2011.
  6. Van Amerongen, H., Valkunas, L. & van Grondelle, R., Photosynthetic excitons, Singapore, World Scientific, 2000.

Articolo di Paolo Di Sia

Paolo Di Sia

Paolo Di Sia è membro dell'Institute for Scientific Methodology (ISEM) di Palermo e docente presso le università di Padova e Bolzano. Ha conseguito una laurea triennale in metafisica, una laurea specialistica in fisica teorica e un dottorato di ricerca in fisica teorica applicata alle nanotecnologie. Si interessa di cosmologia, del rapporto tra filosofia e scienza, di fisica alla scala di Planck, di nanofisica quantistico-relativistica, di nano-neuroscienza, di divulgazione scientifica. È autore di 217 lavori distribuiti tra riviste nazionali e internazionali, capitoli di libri, libri, interventi accademici su web scientifici, in stampa. È reviewer di 12 riviste internazionali, membro di 7 società scientifiche internazionali, membro di 29 international advisory/editorial boards, gli sono stati attribuiti 9 riconoscimenti internazionali.


Paolo Di Sia
ISEM (Palermo) & Università di Padova e Bolzano
E-mail: paolo.disia@libero.it
Webpage: www.paolodisia.com


Potrebbero interessarti...



Commenti

Sistemi Biologici e Teoria Quantistica — Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Altri articoli nella categoria "Fisica Quantistica"

La realtà come specchio della mente

Realtà specchio della mente

L’immagine “quantistica” della realtà, non è più oggettiva come si riteneva in passato, ma dipende in parte dall’osservatore, come se fossimo circondati da un enorme specchio che riflette le proiezioni della nostra mente.
La fisica quantistica abbatte definitivamente l’utopia di una realtà oggettiva. La natura di ogni fenomeno osservato è inevitabilmente “soggettiva” e varia in relazione a colui che la percepisce. Una delle maggiori stranezze della fisica quantistica è che quando cerchiamo di isolare e osservare un singolo raggio di luce (fotone), in quell’istante il fotone si…

Continua a leggere →

Nuove scoperte sul DNA e Salto Quantico di specie

Nuove scoperte russe sul DNA spazzatura

di Emiliano Soldani
La nostra biologia cela possibilità sino a pochi anni fa inimmaginabili, le quali, una volta divulgate e condivise fra tutti coloro che sono interessati alla ricerca interiore, permetteranno all’intera umanità di effettuare un “salto quantico” di specie.
Questo sarà possibile grazie al ben noto “effetto Maharishi”, comprovato dall’esperimento della centesima scimmia, attraverso il quale si dimostrava l’influenza di un ristretto numero di individui, che acquisivano un’abilità specifica, sull’intera popolazione della stessa razza di scimmie, la quale,…

Continua a leggere →

Gli studi del premio Nobel “Luc Montagnier”: il teletrasporto diventerà realtà?

Gli studi del premio Nobel “Luc Montagnier”: il teletrasporto diventerà realtà?

“Luc Montagnier” ha vinto il premio Nobel per la Medicina nel 2008, e mentre studiava come sconfiggere il virus dell’AIDS, ha scoperto che il teletrasporto di molecole di DNA da un posto all’altro, un giorno potrebbe diventare realtà.
“Montagnier” ha studiato e condotto con alcuni colleghi francesi, italiani e tedeschi, inediti esperimenti sul teletrasporto. Gli scienziati hanno isolato e schermato elettro-magneticamente due provette. In una c’era una molecola di DNA e nell’altra acqua pura. La provetta contenente il DNA è stata irradiata in modo che la radiazione emessa arrivasse…

Continua a leggere →

La Matrice

Matrix

Pensiamo di vivere in un “mondo”. In realtà viviamo intrappolati in una gamma di frequenze e quindi in un’illusione.
Si tratta di ciò che il famoso film chiama “Matrix”. Il mondo che vediamo intorno a noi è solamente una minuscola frazione di un’infinità multidimensionale, cui abbiamo accesso attraverso i nostri sensi fisici come la vista, l’udito, il tatto, l’odorato e il gusto. Il mondo materiale che percepiamo è come una stazione radiofonica e i nostri sensi fisici sono sintonizzati su quella frequenza. Tutto qui.

Si trovano tutt’intorno a noi, su frequenze che…

Continua a leggere →

La sincronicità

Sintonia tra due soggetti

Quante volte ci è capitato di pensare ad un amico che non si vedeva da tempo e poco dopo, per caso, incontrarlo per strada?
Quante volte abbiamo vissuto serie di eventi che accadevano proprio come dovevano accadere, in una strana ed eccezionale coincidenza? E sempre ci siamo posti la fatidica domanda: Esiste il caso? O forse esiste un principio scientifico ancora sconosciuto, il quale fa accadere gli eventi con tale sottile armonia? Questo principio esiste e prende il nome di “sincronicità”, e la sua componente fisico-matematica è la coerenza e la non-località.

Spesso la coincidenza…

Continua a leggere →

Le frequenze dominanti del campo quantico: la porta verso la guarigione

Le frequenze dominanti del campo quantico: la porta verso la guarigione

di Carmen Di Muro 
Tutta la natura è un continuum. L’architettura della vita è disposta in schemi che ripetono perpetuamente se stessi, e il mondo dell’energia è molto più complesso nelle sue dinamiche rispetto a quello materiale.
Ciò che vediamo e tocchiamo, trova concretizzazione dapprima nell’invisibile, laddove lo sguardo non vede, né la nostra mente comprende, ma soltanto l’anima afferra interamente.

Ogni cosa presente nel reale è composta da atomi, i quali a loro volta sono costituiti da particelle cariche elettricamente, che oscillando producono campi…

Continua a leggere →

Fisica quantistica per menti aperte

Apertura mentale

di Daniela Bortoluzzi
C’è molta più vita, nel Cosmo, di quanto Scienza e governi vogliano farci credere. È preferibile lasciare l’umanità immersa nel sonno dell’ignoranza e della superstizione anziché scuoterla, stupirla e… svegliarla! Meglio un’innocua calma piatta mentale piuttosto di un pericoloso terremoto quantico!
Ma il suddetto terremoto è in arrivo. Nuove tecnologie in grado di sfruttare la fisica quantistica, permetteranno non solo di muovere oggetti senza l’intervento umano, ma anche di ottenere informazioni. Computer della dimensione di una molecola…

Continua a leggere →

La conoscenza è relativa

La conoscenza è relativa

Il Buddhismo da sempre ha sottolineato il concetto di impermanenza, insegnandoci che tutto cambia ed è mutevole, e che possiamo solo trovare verità o conoscenze provvisorie. Anche il Tao afferma che il divenire è la legge di tutte le cose.
Ci troviamo immersi in una cultura che ha foggiato per noi regole e norme, e che ci fa reagire secondo schemi obbligati e convenzionali di comportamento e di pensiero. Quando invece un paradigma cambia, si assiste ad un forte scossone culturale e possiamo arrivare ad un punto in cui le cose che credevamo vere cessano di essere tali, ovvero l’assoluto…

Continua a leggere →

Déjà vu… una sbirciatina negli universi paralleli

L'espressione "déjà vu", in francese, significa letteralmente "già visto" e si riferisce a quella strana sensazione che proviamo quando ci sembra di aver già vissuto una certa situazione, della quale però non ricordiamo né il luogo nel quale è avvenuta, né il tempo. Si tratta di un fenomeno piuttosto comune nell'esperienza sensoriale umana, ma ancora poco compreso.

Chi non ha mai sperimentato, almeno una volta nella vita, quel curioso e famoso fenomeno denominato “déjà vu”?
L’espressione “déjà vu”, in francese, significa letteralmente “già visto” e si riferisce a quella strana sensazione che proviamo quando ci sembra di aver già vissuto una certa situazione, della quale però non ricordiamo né il luogo nel quale è avvenuta, né il tempo. Si tratta di un fenomeno piuttosto comune nell’esperienza sensoriale umana, ma ancora poco compreso.
Cosa genera dunque questa particolare condizione della nostra percezione? In passato, era attribuita per lo più a fenomeni paranormali o a disturbi di tipo neurologico. Negli ultimi anni, tuttavia, l’interesse degli scienziati per questo singolare fenomeno è cresciuto, facendo emergere…

Continua a leggere →

La morte non esiste: la fisica quantistica lo dimostra

La morte non esiste

Per molti scienziati, il concetto di vita ultraterrena è una sciocchezza, mentre per altri semplicemente non è dimostrabile. Eppure c’è un esperto, il Professor “Robert Lanza”, che spiega perché la morte non esiste.
Egli sostiene di avere le prove per confermare l’esistenza della “vita dopo la morte” e che questa conferma si trovi nella fisica quantistica. La “teoria del biocentrismo”, sostenuta da Lanza, afferma che la morte come noi la conosciamo, è un’illusione creata dalla nostra stessa coscienza. Egli ritiene che è la nostra coscienza a creare l’universo, e non il contrario,…

Continua a leggere →