Articolo in evidenza
HomeEvoluzione personale e consapevolezzaRimpianti… in punto di morte

di Marco Cammilli

Nonostante l’argomento tratti i “rimpianti in punto di morte”, questo scritto vuole essere un inno alla vita e cercherò di trattarlo con le dovute cautele.

Rimpianti in punto di morteSono certo che il contenuto saprà farti riflettere su ciò che è davvero importante per te, perché se non hai la piena consapevolezza di cosa è capace di renderti davvero felice, allora non lo sarai mai.

Bronnie Ware si ritrovò a lavorare come infermiera nell’ambito delle cure palliative per anziani e malati terminali. Ogni giorno, cercava di aiutarli accompagnandoli al capolinea della loro vita terrena. Si accorse così che, in quei frangenti, le persone riuscivano a vedere il mondo con “occhi diversi”, rispetto a tutti coloro che non erano in quella fase della vita.

Quando Bronnie chiedeva loro cosa avrebbero voluto fare di diverso nella vita, se avevano dei rimpianti su come era andata la loro vita, nessuno parlava in alcun modo di aspetti legati al successo, ai soldi, al potere o al lusso. Nessuno. Ciò che venne fuori era di tutt’altro genere.

Bronnie, decise così di appuntarsi questi rimpianti in punto di morte, queste confidenze, i desideri mancati dei suoi pazienti, per poi scriverci un libro. Il libro, dal titolo: “Vorrei averlo fatto, i cinque rimpianti più grandi”, sarebbe in seguito divenuto un best-seller in tempi da record!

I 5 rimpianti in punto di morte

Vivere una vita più vera1) Vorrei avere avuto il coraggio di vivere una vita più vera, non quella che gli altri si aspettavano da me.

Tra i rimpianti in punto di morte, il più comune è questo, quello di non aver vissuto la propria vita appieno, ma di aver vissuto quella che hanno voluto gli altri. Il tempo passa e non gli diamo il giusto valore. Il tempo scorre e non riusciamo neppure a trovare qualche attimo per decidere cosa vogliamo davvero dalla nostra vita. Siamo talmente abituati a ripetere ogni giorno determinati schemi, determinate abitudini, che non riusciamo neppure ad avere la consapevolezza di quello che realmente stiamo facendo.

Quello che stai facendo lo hai deciso tu o qualcun altro? E’ quello che realmente vuoi? Quante volte hai avuto la possibilità di decidere ma hai preferito rimandare? Il non-agire, ti porterà a essere sempre in balia delle correnti, in balia di quello che decidono gli altri per te. Anziché accontentarti, potresti rimboccarti le maniche e, armato di coraggio, affrontare le varie paure che ti hanno impedito finora di decidere davvero.

Dentro di te sai benissimo che certe decisioni avrebbero un benefico affetto su di te e sulle persone che ti stanno accanto, ma la paura nel breve termine è più forte del piacere che ne potresti trarre nel lungo periodo. Così facendo non ti rimane altro che rimetterti comodamente seduto sulla tua poltrona, all’interno della tua cara “zona comfort” e goderti la tua tranquilla infelicità.

2) Vorrei aver lavorato di meno.

I pazienti di Bronnie, si lamentavano del fatto di aver corso troppo, come un criceto nella propria ruota, senza accorgersi di quello che succedeva intorno a loro. Soprattutto le persone che avevano avuto carriere di rilievo, provavano quasi tutte questo tipo di rimorso: l’aver corso continuamente senza soffermarsi mai un attimo a chiedersi quali fossero le cose realmente importanti per loro nella vita. Questi pazienti avevano tolto tempo prezioso al proprio partner, ai figli e, in generale, agli affetti. La maggior parte di loro aveva dedicato buona parte della loro esistenza a inseguire la carriera e questo li aveva portati lontani da casa, perdendosi, ad esempio, la fanciullezza dei propri figli.

Esprimere i propri sentimenti e pensieri3) Vorrei aver avuto il coraggio di esprimere i miei sentimenti e pensieri.

Questo è il terzo tema comune alle persone intervistate. I pazienti hanno dichiarato di aver rinunciato troppo spesso a dire ciò che pensavano, a esprimere liberamente i propri sentimenti.

Ma perché mai uno non dovrebbe dire ciò che pensa? Credo sia una delle più importanti libertà che abbiamo. Lo facciamo per paura di danneggiare un rapporto, per paura di ferire il nostro partner, il collega o rovinare un’amicizia. Per evitare questo, teniamo un atteggiamento passivo e ciò che pensiamo e che vorremmo dire lo tratteniamo dentro di noi. Ci comportiamo in questo modo, poiché pensiamo che dire ciò che pensiamo, debba significare per forza aggredire l’altra persona.

Ma non è così, significa piuttosto esprimere il proprio punto di vista con gentilezza, con equilibrio: significa essere assertivi. Può darsi che l’altra persona possa sentirsi comunque ferita dalle nostre parole, ma è molto meglio esprimere con gentilezza il proprio pensiero piuttosto che far finta che vada tutto alla grande. Tenersi infatti tutto dentro, porta solo e soltanto a instaurare dei rapporti mediocri.

Tuttavia, spesso preferiamo accontentarci di questa mediocrità, senza accorgerci che questo atteggiamento con il passare del tempo genera sempre malcontento, risentimento e amarezza. Purtroppo ce ne rendiamo conto sempre troppo tardi, quando oramai il tempo che ci hanno concesso su questa terra volge al termine. Ecco che un qualcosa che potevamo gestire a tempo debito, ce lo trasciniamo fino a trasformalo in uno dei principali rimpianti in punto di morte.

4) Vorrei essere rimasto in contatto con gli amici.

Intrappolati nella propria vita, nel proprio tran tran quotidiano si cominciano a perdere di vista gli amici. Più il tempo passa e più diventano parte del passato. Chi l’avrebbe mai detto che li avresti persi di vista per sempre? Quegli stessi amici di cui un tempo non potevi fare a meno.

Arriva un giorno in cui ti accorgi che non esistono più: i tuoi migliori amici si sono trasformati in qualche foto ingiallita nascosta in vecchi album. La maggior parte dei pazienti di Bronnie, ha indicato questo tra i principali rimpianti in punto di morte. Molti hanno allora cercato di ricontattare i vecchi amici ma come puoi immaginare non sempre è stato possibile. Perché dobbiamo ritrovarci quando il tempo a nostra disposizione è agli sgoccioli, per capire che i rapporti con le persone sono fondamentali per il nostro benessere? Cerchiamo allora di trovare un po’ di tempo, all’interno delle nostre giornate piene d’impegni importantissimi (?), da dedicare alle persone a cui teniamo, a cui vogliamo bene.

La ricerca della felicità5) Avrei voluto lasciare aperta la porta alla felicità.

I pazienti di Bronnie, spesso solo al momento del capolinea, si sono accorti di essere rimasti incastrati in vecchie abitudini e in vecchi schemi, secondo i quali si pensa che il benessere sia strettamente collegato al possesso. Questo schema mentale, inculcatoci dai vari media, dalla società, ce lo siamo così profondamente fatto nostro, che sembra persino assurdo che la felicità possa essere invece legata a ben altro.

Sul letto di morte, molti hanno confessato di aver indossato una maschera per mostrare agli altri e a se stessi quanto fossero felici… ma era solo una maschera appunto. Le loro vite, i loro modi di essere, di comportarsi erano talmente regolati dall’importanza dell’apparire, dall’importanza di ciò che gli altri pensavano di loro, che quella tanto agognata felicità è rimasta per tutta la loro vita fuori dalla porta.

Si sono comportati troppo spesso secondo le aspettative degli altri, perdendo di vista le proprie. Quanti rimpianti in punto di morte per tutti quei sorrisi mancati, per tutte quelle volte in cui avrebbero voluto vivere con più leggerezza… quella leggerezza che purtroppo in certe situazioni non era ben accettata dagli altri. Ecco, avrebbero voluto sorridere di più!

Il filosofo e poeta Henry David Thoreau scrisse: “Vivere con saggezza, vivere in profondità e succhiare tutto il midollo della vita, per sbaragliare tutto ciò che non era vita e non scoprire, in punto di morte, di non aver vissuto”. L’esperienza e la saggezza di queste persone, giunte a noi grazie all’autrice, dovrebbero aiutarci ad avere una visione più lucida di cosa sia davvero importante nella vita e di cosa invece sia solo apparenza.

Sono convinto che questo articolo, sui rimpianti in punto di morte, ti aiuterà a riflettere con la massima attenzione su cosa vuoi realmente dalla vita, quali sono i tuoi sogni e quali sono le cose realmente importanti per te. Prenditi del tempo per pensare a tutto questo e una volta deciso, muoviti nella giusta direzione, così quando arriverai in fondo a questo cammino terreno che è la vita, ti accorgerai piacevolmente di aver vissuto proprio come volevi.

Le opportunità le puoi cogliere adesso, ogni giorno, da quando ti alzi al mattino fino a quando vai a letto la sera. Questo è un ottimo modo per non avere rimpianti in punto di morte. Sfrutta ogni istante per fare ciò che ritieni giusto e che è realmente importante per te: solo così, a fine corsa, sarai riuscito a non accumulare rimpianti.

Nel libro ho trovato una frase molto importante che racchiude tutto il significato dell’opera. Vorrei che tu leggessi questa frase con la massima attenzione, facendola tua: “La maggior parte delle persone non capisce, se non a pochi giorni dalla fine, che la felicità è una scelta”. (Bronnie Ware)

E tu, hai già fatto questa scelta?

Articolo di Marco Cammilli

Fonte: http://www.upgradeyourmind.it/decidere/rimpianti-in-punto-di-morte/

Potrebbero interessarti...



Commenti

Rimpianti… in punto di morte — Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Altri articoli nella categoria "Evoluzione personale e consapevolezza"

Difendersi dalla manipolazione

Tecniche di manipolazione

di Daniel Lumera
Un metodo pratico ed efficace, in Spagna insegnato anche all’Università, per smettere di manipolare ed essere manipolati.
Nel 2011 ho inaugurato per la prima volta presso l’Università di Girona, un corso di specializzazione dedicato interamente alla manipolazione. Le tematiche principali erano:

– come smettere di essere manipolati e di manipolare;
– riconoscere i giochi di potere;
– conoscere le tecniche di manipolazione sulle masse;
– conoscere le tecniche manipolatorie utilizzate attraverso i canali mediatici (social network, TV, radio, giornali). Una grande forma…

Continua a leggere →

Sono i bambini a scegliere i propri genitori

Scegliamo i genitori prima di nascere

Hai mai pensato di essere stato tu a scegliere i tuoi genitori prima di venire al mondo?
Premesso che esistono scuole di pensiero diverse nell’ambito della reincarnazione, sono molti gli studiosi e le correnti spirituali che attribuiscono la scelta dei genitori alla volontà personale. Che questa scelta individuale sia comunque influenzata dalle circostanze e dai comportamenti adottati nelle vite precedenti o da altre entità, non è dato a sapersi. Ma una cosa è certa, perlomeno per chi si occupa di queste tematiche: i nostri genitori sono frutto di una scelta.
Il pensiero di James…

Continua a leggere →

Esercizi per percepire l’Energia

Percepire l'energia

Sappiamo che l’energia è dentro di noi: quando respiriamo, ad esempio, consumiamo energia, quando mangiamo la riprendiamo. Questo potere è fisico, oltre che misterioso, ma solo perché pochi ne investigano la sua natura magica.
Esercizio base con l’Energia
Fare questo esercizio da seduti è più facile, tuttavia, non è assolutamente necessario trovarsi in questa posizione, a patto di mantenere l’attenzione sulle istruzioni e continuare a seguirle.

– Ora mettete le mani sul tavolo o, meglio, in grembo, con le palme rivolte verso l’alto.

– Dirigete l’attenzione sul palmo…

Continua a leggere →

Come comunicare i propri diritti: l’assertività

Assertività

“L’assertività è la capacità del soggetto di utilizzare in ogni contesto relazionale, modalità di comunicazione che rendano altamente probabili reazioni positive dell’ambiente e annullino o riducano la possibilità di reazioni negative”. (Libet e Lewinsohn)
Viviamo in una società di stampo competitivo ed individualistico, dove ognuno viene incoraggiato a inseguire un obiettivo personale nella vita. Questo atteggiamento propositivo di per sé non è malevolo, ma la realizzazione dei propri obiettivi spesso avviene calpestando gli “spazi” e nei casi più gravi la…

Continua a leggere →

Effetto “Lucifero”: la scienza ha trovato l’Inferno!

Bene e male

di Luca Bertolotti
Cosa nascondiamo nei recessi di noi stessi? Ciascuno porta in serbo aspetti cosiddetti bestiali, che in certe condizioni “favorevoli” possono prendere il sopravvento, facendosi beffe di ogni moralità.
Non so voi, ma personalmente sono stanco. Sono stanco del razzismo tanto quanto del buonismo. Sono stanco di ascoltare le infinite paternali politiche, scientifiche e religiose in merito a ciò che è “bene” e ciò che è “male”. Sono stanco di sentir condannare da tutti la guerra, le ingiustizie sociali, e di constatare come sembrino comunque non aver mai fine….

Continua a leggere →

Che cos’è veramente l’empatia?

Provare empatia

Il termine “empatia”, può trovare all’interno dei vari dizionari definizioni abbastanza diverse. Nel linguaggio comune significa più che altro capacità di compartecipazione, saper condividere gli stati d’animo degli altri, in particolare le loro sofferenze.
Proprio da questa compartecipazione giungono capacità di aiutare, sostenere e soprattutto comprendere. Indubbiamente il significato è molto ampio, ma si lega sempre al saper “sentire” gli stati d’animo altrui sia negativi che positivi, e al saper alleviare la sofferenza. Di fatto, non può esistere relazione…

Continua a leggere →

Il mondo esterno è il riflesso del nostro mondo interiore

Energia personale

di Monica Giovine
Tutto quello che circonda la tua esistenza e che vedi intorno a te, è come uno specchio che ti sta mostrando ciò che si trova dentro di te, nel tuo “magnete”.
Questa parte di te – chiamata dalla “Legge dell’attrazione” il tuo magnete – è composta dai tuoi pensieri, dalle tue emozioni, dalle tue convinzioni rispetto a te stesso, rispetto agli altri e rispetto all’ambiente. Il tuo magnete, nella fisica quantistica o anche in altre discipline corrisponde alla “tua energia”, e ti sta mostrando la tua realtà esterna, affinché tu possa orientarti ed eventualmente…

Continua a leggere →

L’angusta gabbia dell’ipocrisia

Ipocrisia

“Imparerai a tue spese che nel lungo tragitto della vita incontrerai tante maschere e pochi volti”. Luigi Pirandello
E’ sempre stato difficile in un mondo dominato dall’ipocrisia, in cui la stessa storia è sempre scaduta nella cronaca asettica di una quotidianità avvilente, parlare di un problema che ha sempre afflitto l’uomo, o meglio, quei pochi esseri umani che si sentono soffocare da un vizio appartenente alla sola specie umana e al quale spesso ci si rassegna, oppure si sfugge, cercando la solitudine o la compagnia di quella sparuta minoranza di persone che ne è…

Continua a leggere →

Le risorse nascoste della nostra psiche: la “resilienza”

Resilienza

di Enrico Maria Secci
In psicologia il termine “resilienza” indica la capacità dell’individuo di superare e di trarre forza da eventi stressanti e traumatici.
E’ un’espressione della duttilità della psiche e del dinamismo della personalità, che spiega come molti individui trasformino situazioni oggettivamente sfavorevoli in occasioni di cambiamento vantaggiose per la propria evoluzione verso la piena realizzazione di sé e della propria felicità. Il concetto di resilienza è mediato dalla scienza dei materiali, per la quale un materiale ad alta resilienza è quello in grado di…

Continua a leggere →

Vediamo solo ciò che… vogliamo vedere!

Illusione

di Rachele Eterea
Prendiamo continuamente decisioni che hanno a che vedere con il nostro lavoro, le nostre relazioni. Tuttavia, credete che siano tutte razionali e logiche? A volte non siamo consapevoli del fatto che il nostro pensiero è “desiderativo”, ovvero influenzato enormemente dai nostri desideri.
“Puoi ignorare la realtà, ma non puoi ignorare le conseguenze della realtà“. (Ayn Rand)
Quando desideriamo un oggetto o che si verifichi una certa situazione – ad esempio, raggiungere una determinata meta o poter avere quella casa che abbiamo visto e che non possiamo toglierci dalla mente…

Continua a leggere →