Articolo in evidenza
HomeEvoluzione personale e consapevolezzaLa lamentela danneggia i neuroni

Tratto dal libro: Lifesurfing di Claudia Galli

Quando siamo in presenza di persone che si lamentano, o che chiacchierano senza un fine costruttivo e propositivo, la qualità delle loro vibrazioni negative si ripercuote su di noi e ha un effetto nocivo sui neuroni del nostro cervello.

Lagnanze e negatività La lagnanza e la chiacchiera sono il frutto di un atteggiamento arcaico, una strategia di sopravvivenza, adottata dal nostro inconscio per liberarci di stati mentali ed emotivi aberranti, che purtroppo va a discapito di chi ne subisce l’influsso passivo. È stato scientificamente provato, che le onde magnetiche caratteristiche delle lamentele e delle chiacchiere, spengono letteralmente i neuroni dell’ippocampo, preposti tra l’altro alla risoluzione dei problemi. Rimanere esposti per più di trenta minuti a lagnanze, negatività e chiacchiere superflue provoca danni effettivi a livello cerebrale, sia che provengano da persone in carne ed ossa che dai media, in primis la televisione.

Cosa fare di fronte a manifestazioni di questo genere? I media si possono spegnere, escludere. Con le persone, si può invece cercare di dirottare la conversazione verso argomenti propositivi, o addirittura, suggerire molto diplomaticamente al “lamentoso”, di fare tre respiri profondi, espirando forte con la bocca. Naturalmente noi stessi dovremmo evitare di cadere in lagnanze e inutili chiacchiere, consapevoli del fatto che oltre a nuocere a chi ci sta intorno, stiamo letteralmente sprecando la nostra energia. Siamo così abituati a lamentarci e ad ascoltare le lamentele, da esserne perfino assuefatti. Ma se ascoltare le lamentele degli altri spegne i neuroni, quando siamo noi a farlo… cosa succede?

Fisiologicamente, le cellule del nostro cervello si specializzano con contenuti di basso livello, perdendo nel tempo in creatività e capacità di risolvere le situazioni critiche, uscire dalle difficoltà e mettere in moto l’inventiva, cosa che si sviluppa normalmente nelle persone che invece di scegliere la lamentela, trasformano le “crisi” in opportunità: un cervello in movimento, volto continuamente a creare, permette nell’insieme di essere più consapevoli.

Esotericamente, accade che la personalità agisce con il “pilota automatico”, addensando sempre di più quel meccanismo per cui l’ego tende a prendere il sopravvento sull’Essere. Ovviamente, questa percezione esula dall’insieme di cui facciamo parte e ci allontana sempre più dalla Realtà reale, cristallizzando gli schemi (e i programmi mentali) che ci fanno percepire la virtualità come realtà oggettiva.

Energeticamente, sappiamo bene, anche grazie alle moderne scoperte della Fisica Quantistica, che dove va il pensiero, l’energia fluisce e crea! Più i miei pensieri sono negativi, orientati alla mia sfortuna, alla crisi e al lavoro che scarseggia, al politico che si fa le vacanze di lusso alla faccia del popolo che non ce la fa, ecc… più sto nutrendo di energia quella determinata situazione. Psicologicamente si creerà un circolo vizioso, per cui tali pensieri negativi diverranno l’unica realtà possibile, moltiplicando proprio quelle situazioni che confermano questo processo.

Può capitarci di vivere in contesti nei quali siamo sottoposti a forti pressioni e disequilibri, ambienti carichi di stress e negatività che agiscono come dei veri e propri virus, su tutti i fronti: mentale, emozionale e fisico. È altresì vero che più innalziamo il nostro livello energetico, più la realtà circostante reagisce alla nostra qualità vibrazionale. Non solo attraiamo nella nostra vita situazioni e persone affini a ciò che siamo, ma influiamo positivamente anche sull’ambiente che ci circonda, e sulle persone con cui ci relazioniamo.

Tratto dal libro: Lifesurfing di Claudia Galli

Fonte: http://realtofantasia.blogspot.it/2014/12/la-lamentela-danneggia-i-neuroni.html

Potrebbero interessarti...



Commenti

La lamentela danneggia i neuroni — 1 commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Altri articoli nella categoria "Evoluzione personale e consapevolezza"

Il Sistema del Male

Sofferenza

“Sei tu stesso il tuo avversario, la causa ripetuta dei tuoi fallimenti. C’è un mondo oscuro, che non conosci. Affrontalo con armi di luce”. (Dugpa Rimpoce)
Osserva, in te e attorno a te, a che punto i pensieri, le parole e gli atti sono pregni di avidità, di aggressività, di orgoglio, di invidia e di illusione. Il male, ovvero l’aggressione, si dispiega solo perché siamo deboli, demoralizzati, divisi da noi stessi.
Il male separa l’anima dalla sua sorgente, la isola, la divide da se stessa e la oppone alle altre anime. Il male è questa separazione. In preda ai…

Continua a leggere →

Nati per essere felici

di Cinzia Malaguti
Se una persona non ama sé stessa, come può essere capace di amare la vita e gli altri?! Allora, l’amore per se stessi passa dalla presa di responsabilità della propria vita e della propria felicità. Cosa fare per vivere in pace, amore, armonia?
Prendere coscienza dei propri schemi mentali negativi e trasformarli in positivi, cioè capire che rancori, collera, delusioni, sofferenze emotive, che ci hanno feriti e che hanno segnato negativamente la nostra memoria emozionale, sono solo il frutto di errate interpretazioni, di incomprensioni non risolte che ci portiamo…

Continua a leggere →

Cosa sono riusciti a farvi credere e… cosa avete accettato di credere!

Umanità inconsapevole

di Daniele Genova
Nei secoli, ogni sorta di pelandroni con delirio di onnipotenza vi hanno fatto credere, in molti modi e con molte tecniche, che voi appartenete alla massa e che le masse hanno bisogno di essere guidate come le pecore.
Costoro vi hanno fatto credere che loro sono lì per governarvi nel vostro interesse e nell’interesse di ciò che loro hanno stabilito debbano essere i vostri precisi interessi; nell’interesse di ciò che hanno stabilito arbitrariamente essere la vostra nazione o la vostra salvezza spirituale, o qualsiasi altra vostra necessità.
E questi soggetti, che in un mondo sano di mente finirebbero in manicomio, alla fine si sono impossessati di voi, sacrificando, lungo i millenni, miliardi e miliardi di vite umane…

Continua a leggere →

Il Risveglio dell’Umanità

Il risveglio dell'umanità

Hanno sistematicamente distrutto o occultato il più possibile le antiche conoscenze, poiché esse contenevano il segreto della nostra identità e della vera natura della Vita.
Hanno manipolato tutte le maggiori indagini e ricerche volte a studiare le antiche conoscenze occulte e i manufatti antichi diffusi in tutto il mondo, assicurandosi che niente trapelasse della nostra vera natura e origine e che, nel caso in cui qualcosa emergesse, non venisse mai reso pubblico, né il suo vero valore venisse compreso.

Hanno invece creato le religioni per imprigionare le menti della popolazione,…

Continua a leggere →

La percezione visiva ci fa credere alla dualità

L'illusione della separazione

di Moksha
La percezione sensoriale visiva è senz’altro quella che, più di ogni altra, crea per ognuno di noi la convinzione di essere “separato” dagli oggetti del mondo e dalle altre persone, facendoci quindi credere, senza ombra di dubbio, all’esistenza della “dualità”.
E’ relativamente semplice chiudere gli occhi, ed accorgersi che i pensieri, le emozioni, le sensazioni fisiche e ogni altra percezione diversa dalla vista – suono, odore, sensazioni tattili, sapore – appaiono “in noi” in uno “spazio di consapevolezza”, che prima osserva e conosce, e poi mantiene l’informazione ricevuta, anche dopo che siano cessati gli stimoli esterni…

Continua a leggere →

L’esperienza delle Anime antiche

Essere anime antiche

Se sei un’anima antica, leggi. Se non lo sei, leggi comunque, potresti stupirti!
Un’anima antica e saggia potrebbe celarsi tra i membri della tua famiglia, tra i colleghi di lavoro, potrebbe essere un vicino di casa o anche qualcuno che ti siede accanto sull’autobus. O forse, è il senzatetto che chiede l’elemosina all’angolo della strada. Potrebbe essere davvero chiunque. Solo che tu non lo sai. Queste persone non vanno certamente in giro con un’etichetta sulla fronte, ma se osservi bene e da vicino, potrai riconoscerle.

Le anime antiche hanno la maggior esperienza nel gioco…

Continua a leggere →

Tutti attori e tutti registi… inconsapevolmente

Tutti attori e tutti registi

Tutti gli altri sono attori del mio film interiore, così come io lo sono del loro film. Siamo tutti “registi” inconsapevoli del film che vediamo, ma anche “attori” inconsapevoli del film che gli altri vedono.
Le nostre “caratteristiche particolari” attirano le persone che ne hanno bisogno per comprendere qualcosa di se stesse, così come facciamo noi con gli altri, andando a cercare certe compagnie che hanno appunto delle caratteristiche particolari che il nostro inconscio ci chiede di comprendere.

Paradossalmente, dovremmo ringraziare chi ci fa soffrire, perché quella sofferenza…

Continua a leggere →

Libertà

Crocifisso

di Mauro Vanzini
In occasione di questo Natale ho deciso di scrivere qualcosa sulla libertà, un concetto che oggi ha forse bisogno di essere un po’ restaurato.
Da parte dell’Uomo, credo sia sempre esistita una tendenza naturale alla ricerca della libertà. Nei secoli, è innegabile che la condizione dell’uomo nella società sia in generale migliorata. Ma molto spesso commettiamo un errore molto grossolano: crediamo di avercela fatta.

Anche se sappiamo bene che c’è una lotta da portare avanti, che esistono élites di potere brutali, le quali perseverano nel trascinarci dentro il loro…

Continua a leggere →

La creazione della realtà è una trappola planetaria!

Realtà illusoria

di Salvatore Brizzi
La Terra è allo stesso tempo un pianeta-scuola e una trappola per le anime.
È un pianeta-scuola in quanto tutte le anime non sono altro che frammenti di Dio che si incarnano qui per sperimentare l’autocoscienza – la sensazione di esserci – e sviluppare qualità sempre nuove. Detto in altre parole, l’anima usa il corpo materiale – una macchina biologica – per attirare intorno a sé persone e circostanze che le permettano di sviluppare sempre più amore, fino a quando un giorno non si sentirà “Uno con tutte le cose”.
Ma questo pianeta è anche una trappola, in quanto ognuno di noi, una volta incarnato sul piano materiale…

Continua a leggere →

Vediamo solo ciò che… vogliamo vedere!

Illusione

di Rachele Eterea
Prendiamo continuamente decisioni che hanno a che vedere con il nostro lavoro, le nostre relazioni. Tuttavia, credete che siano tutte razionali e logiche? A volte non siamo consapevoli del fatto che il nostro pensiero è “desiderativo”, ovvero influenzato enormemente dai nostri desideri.
“Puoi ignorare la realtà, ma non puoi ignorare le conseguenze della realtà“. (Ayn Rand)
Quando desideriamo un oggetto o che si verifichi una certa situazione – ad esempio, raggiungere una determinata meta o poter avere quella casa che abbiamo visto e che non possiamo toglierci dalla mente…

Continua a leggere →