Articolo in evidenza
HomeEvoluzione personale e consapevolezzaLa lamentela danneggia i neuroni

Tratto dal libro: Lifesurfing di Claudia Galli

Quando siamo in presenza di persone che si lamentano, o che chiacchierano senza un fine costruttivo e propositivo, la qualità delle loro vibrazioni negative si ripercuote su di noi e ha un effetto nocivo sui neuroni del nostro cervello.

Lagnanze e negatività La lagnanza e la chiacchiera sono il frutto di un atteggiamento arcaico, una strategia di sopravvivenza, adottata dal nostro inconscio per liberarci di stati mentali ed emotivi aberranti, che purtroppo va a discapito di chi ne subisce l’influsso passivo. È stato scientificamente provato, che le onde magnetiche caratteristiche delle lamentele e delle chiacchiere, spengono letteralmente i neuroni dell’ippocampo, preposti tra l’altro alla risoluzione dei problemi. Rimanere esposti per più di trenta minuti a lagnanze, negatività e chiacchiere superflue provoca danni effettivi a livello cerebrale, sia che provengano da persone in carne ed ossa che dai media, in primis la televisione.

Cosa fare di fronte a manifestazioni di questo genere? I media si possono spegnere, escludere. Con le persone, si può invece cercare di dirottare la conversazione verso argomenti propositivi, o addirittura, suggerire molto diplomaticamente al “lamentoso”, di fare tre respiri profondi, espirando forte con la bocca. Naturalmente noi stessi dovremmo evitare di cadere in lagnanze e inutili chiacchiere, consapevoli del fatto che oltre a nuocere a chi ci sta intorno, stiamo letteralmente sprecando la nostra energia. Siamo così abituati a lamentarci e ad ascoltare le lamentele, da esserne perfino assuefatti. Ma se ascoltare le lamentele degli altri spegne i neuroni, quando siamo noi a farlo… cosa succede?

Fisiologicamente, le cellule del nostro cervello si specializzano con contenuti di basso livello, perdendo nel tempo in creatività e capacità di risolvere le situazioni critiche, uscire dalle difficoltà e mettere in moto l’inventiva, cosa che si sviluppa normalmente nelle persone che invece di scegliere la lamentela, trasformano le “crisi” in opportunità: un cervello in movimento, volto continuamente a creare, permette nell’insieme di essere più consapevoli.

Esotericamente, accade che la personalità agisce con il “pilota automatico”, addensando sempre di più quel meccanismo per cui l’ego tende a prendere il sopravvento sull’Essere. Ovviamente, questa percezione esula dall’insieme di cui facciamo parte e ci allontana sempre più dalla Realtà reale, cristallizzando gli schemi (e i programmi mentali) che ci fanno percepire la virtualità come realtà oggettiva.

Energeticamente, sappiamo bene, anche grazie alle moderne scoperte della Fisica Quantistica, che dove va il pensiero, l’energia fluisce e crea! Più i miei pensieri sono negativi, orientati alla mia sfortuna, alla crisi e al lavoro che scarseggia, al politico che si fa le vacanze di lusso alla faccia del popolo che non ce la fa, ecc… più sto nutrendo di energia quella determinata situazione. Psicologicamente si creerà un circolo vizioso, per cui tali pensieri negativi diverranno l’unica realtà possibile, moltiplicando proprio quelle situazioni che confermano questo processo.

Può capitarci di vivere in contesti nei quali siamo sottoposti a forti pressioni e disequilibri, ambienti carichi di stress e negatività che agiscono come dei veri e propri virus, su tutti i fronti: mentale, emozionale e fisico. È altresì vero che più innalziamo il nostro livello energetico, più la realtà circostante reagisce alla nostra qualità vibrazionale. Non solo attraiamo nella nostra vita situazioni e persone affini a ciò che siamo, ma influiamo positivamente anche sull’ambiente che ci circonda, e sulle persone con cui ci relazioniamo.

Tratto dal libro: Lifesurfing di Claudia Galli

Fonte: http://realtofantasia.blogspot.it/2014/12/la-lamentela-danneggia-i-neuroni.html

Potrebbero interessarti...



Commenti

La lamentela danneggia i neuroni — 1 commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Altri articoli nella categoria "Evoluzione personale e consapevolezza"

Non reagire… per evolvere

di Salvatore Brizzi
L’uomo comune vive prigioniero delle proprie reazioni meccaniche: si deprime, si arrabbia, si rammarica, si eccita, si infastidisce e così via.
“Sono sicuro che in questo giorno noi siamo padroni del nostro destino, che il compito che ci è stato affidato non è superiore alle nostre capacità, che le sofferenze e le insidie che comporta non trascendono i nostri mezzi. Se avremo fede nella nostra causa e un’indomita volontà di vittoria, la vittoria non ci sarà negata”. Winston Churchill

“Tutti pensano a cambiare il mondo, ma nessuno pensa a cambiare se stesso”.

Continua a leggere →

Accelerazione del Processo Evolutivo: “punto di rottura”, sofferenza ed “effetto specchio”

Accelerazione del processo evolutivo

di Claudio Guarini
Stiamo vivendo un’accelerazione del processo evolutivo che inevitabilmente porta ognuno di noi, molto più rapidamente che in passato, a confrontarsi con gli effetti manifesti di tutte le proprie credenze, paure, immaginazioni, dei propri entusiasmi, delle disponibilità o resistenze alla propria Evoluzione.
L’essere umano, proprio nei settori in cui ha più paure, timori e credenze limitanti, sta vivendo oggi le crisi peggiori! Egli attrae nella propria vita proprio ciò che più teme. Posso solo dirti che la via obbligata per questo periodo, è quasi sempre quella che…

Continua a leggere →

Il Magico potere di “Essere Presente”

Essere Presente

di Thich Nhat Hanh
Come puoi portare calma, pace e serenità nel mezzo di un vita sempre più caotica e stressante? La risposta è semplice, anche se non sempre agevole da mettere in pratica: imparando ad “Essere Presente”.
Non importa quanto caotica sia la tua giornata, non importa quanto stressanti siano diventati la tua vita o il tuo lavoro, il semplice atto di essere presente può diventare la tua isola felice. Imparare ad essere presente può cambiare la tua vita, ed è incredibilmente semplice. Quando chiedo alle persone che conosco, cosa davvero impedisce loro di avere una giornata…

Continua a leggere →

Il Cambiamento che terrorizza la Mente

Il Cambiamento che terrorizza la mente

di Claudio Guarini
Il Cambiamento è una scelta che spaventa la mente, ma nel contempo è qualcosa di reale che si può attuare, a costo però di lasciare andare tutti i suoi attaccamenti.
Ciò che sto per dirti – ovvero che tu non sei la tua mente – potrebbe non piacerti affatto. Inoltre, saperlo a livello intellettuale non ha molta utilità; solo il diventarne realmente consapevoli, permette di uscire dal disco incantato del dolore, in cui la mente si identifica.
Perché non vuoi accorgerti che cerchi ancora la via breve, facile, indolore ma, soprattutto, che accontenti la tua idea di felicità? Non hai ancora capito che è proprio quell’idea che devi smantellare?…

Continua a leggere →

Focalizzazione del pensiero e Visualizzazione consapevole

Focalizzazione del pensiero e Visualizzazione consapevole

Tutti noi formuliamo delle “Affermazioni” ma non sempre ne siamo consapevoli.
Quando usiamo l’espressione “Io sono” seguito da un aggettivo, come ad esempio “Io sono geniale” oppure “Io sono sfortunato”, stiamo usando il potere creatore della mente. I nostri pensieri viaggiano per il mondo, provocando effetti costruttivi o distruttivi a seconda della loro qualità intrinseca. I nostri pensieri possono cambiare la biochimica del nostro cervello influenzando tutto il corpo, le sue funzioni e persino il DNA. Cosa succede allora quando una persona usa il potere delle affermazioni per…

Continua a leggere →

Lasciare andare

Lasciare andare

di Luciano Gianazza
La Vita è interrelazione. Nel corso del tempo incontriamo persone che entrano a far parte della nostra vita, a volte per un momento, altre in modo significativo per un periodo più o meno lungo.
E’ l’Universo che le mette sul nostro cammino, niente avviene per caso, e ogni cosa che succede serve alla nostra evoluzione. Incontriamo una persona, diventiamo amici, colleghi o soci in un’attività lavorativa, instauriamo una relazione di coppia, anche per tutta la vita, o solo per qualche anno, o anche per poche settimane.

I matrimoni e le convivenze durano sempre…

Continua a leggere →

Illuminazione… VENDESI

Illuminazione vendesi

di Mauro Vanzini
Questo articolo tratta di un tipo di manipolazione molto diffusa, utilizzata in parte in modo istintivo da alcuni, ma anche, grazie a pianificazione studiata, da individui che sentono il bisogno – per egoismo, brama di potere, lucro, volontà di prevaricazione, e tante altre ignobili pulsioni – di sottomettere il prossimo alla propria volontà.
Non esiste, ovviamente, una linea netta di demarcazione tra la naturale influenza che ognuno può avere nei confronti del prossimo, e la manipolazione premeditata, ma è certo che esistano situazioni limite che possono essere…

Continua a leggere →

Vincere le tre paure dell’uomo moderno: morte, povertà, solitudine

Paura

di Francesco Lamendola
L’uomo moderno è attanagliato da tre grandi paure: la paura della morte, la paura della povertà, la paura della solitudine. Quasi tutte le sue angosce, quasi tutte le sue nevrosi, quasi tutti i suoi comportamenti irrazionali e distruttivi sono riconducibili ad esse.
Si dirà: ma l’uomo ha sempre avuto paura di queste tre cose, sempre, in tutte le epoche e sotto ogni cielo. In realtà, non è vero, o meglio… ne ha avuto timore, ma non fino al punto da perderci la testa; non fino al punto da permettere loro di condizionare tutta la sua vita, i suoi pensieri, i suoi atti.
Solamente l’uomo moderno ha concesso loro un potere così grande; solamente l’uomo moderno ne è divenuto totalmente schiavo. Gli uomini pre-moderni – ce lo attestano l’antropologia e l’etnologia comparate, la letteratura, la storia dell’arte, la storia delle religioni, la storia della filosofia – se pure nutrivano un certo timore di questi aspetti, non se ne lasciavano però condizionare così intimamente, così radicalmente…

Continua a leggere →

Nei momenti peggiori si riconoscono le persone migliori

Stare vicino a qualcuno

Le persone che ci aiutano a risollevarci nei momenti difficili, che ci regalano il loro tempo e affetto, senza chiedere niente in cambio, sono anche le persone con cui dovremmo condividere le nostre gioie.
Il tempo è il più bel regalo che possiamo fare a chi vogliamo bene. È una risorsa preziosa e limitata e, quindi, non lo doniamo a tutti e non lo scambiamo per cose che non meritano la nostra attenzione.

Lo regaliamo e siamo grati a chi ci concede parte del suo, soprattutto se lo fa con piacere e senza chiedere nulla in cambio. Lo apprezziamo ancora di più quando ci viene dedicato,…

Continua a leggere →

Femminile “multitasking”

Femminile multitasking

di Valeria Zacconi
La donna, da dea e sacerdotessa nelle arcaiche società matriarcali, a moglie e madre sottomessa. Oggi nelle nostre società cerca una nuova espressione dei propri talenti e può portare l’umanità verso la cooperazione e la compassione.
Millenni fa, in tutto il bacino del Mediterraneo, la donna aveva un ruolo sociale primario, poiché racchiudeva in sé tutto il mistero della vita. Di ciò rendono testimonianza le innumerevoli statuine muliebri ritrovate dagli archeologi. Alla femminilità era riconosciuto un significato di sacralità, in parallelo con la Grande Madre…

Continua a leggere →