Articolo in evidenza
HomeEsoterismoIl Caso e il “Mondo delle cause”

di Mariabianca Carelli

Quel che noi chiamiamo caso, non è altro che un modo per designare delle cause e delle regole così complesse da non poter essere afferrate dalla nostra mente.

Mondo delle CauseIn senso etimologico, la parola “caso” deriva dal termine “caduta” e si riferisce, quindi, a un accadimento che non dipende da alcuna causa specifica. Si parla di caso nel gioco dei dadi, per indicare l’apparente accidentalità del loro cadere in un certo modo. Ma la caduta dei dadi non è dovuta al caso, bensì obbedisce a una regola ben precisa, la stessa che determina la rivoluzione dei pianeti intorno al sole: il dado, in determinate circostanze, non può che mostrare una certa faccia. (Magus Incognito, La dottrina segreta dei rosacroce).

Nell’universo non domina la Casualità, ma vige la Legge della Causalità; Einstein affermava: “Dio non gioca a dadi” e nei testi cristiani si legge che “si raccoglie ciò che si semina”. Uscire dalla visione casuale del mondo e scegliere quella causale cambia la nostra visuale; ci conduce dalla rappresentazione di un universo caotico, crudele e privo di senso alla visione di un cosmo ordinato e direzionato.

Si legge nella “Dottrina segreta”: …(vi sono) una indivisibile assoluta Onniscienza ed Intelligenza nell’Universo, che palpitano in ogni atomo e punto infinitesimo dell’intero Cosmo… Vi è un disegno nell’azione delle forze apparentemente più cieche. (H. P. Blavatskj, La Dottrina segreta, vol. I)

Ed Einstein conferma: Credo in un Dio…che si rivela nell’ordinata armonia dell’universo. Credo che questa Intelligenza si manifesti in tutta la Natura. Base del lavoro scientifico è la convinzione che il mondo è un’entità ordinata e comprensibile e non il prodotto del caso. (citato in Il regno degli dei, Geoffrey Hodson)

Più di recente, i sostenitori dell’ID (Intelligent Design, “progetto intelligente”), i cui promotori principali sono associati al “Center for Science and Culture” del Discovery Institute, propongono una corrente di pensiero secondo la quale alcune caratteristiche dell’universo e delle cose viventi sono meglio spiegabili attraverso l’ipotesi di una “causa intelligente”.

I membri di tale teoria, che ritengono che “il disegnatore” sia identificabile in Dio, affermano che quella dell’ID può essere considerata una teoria scientifica, e cercano di ridefinire la scienza in modo da far rientrare in essa anche l’analisi di manifestazioni inspiegabili o “soprannaturali”, invece che soltanto lo studio di quelle naturali.

La prospettiva “causale” ci avvia anche ad una considerazione più avanzata delle nostre relazioni e dei nostri compiti. Non potremo accusare più nessuno, né persone, né situazioni se siamo noi stessi a creare continuamente gli eventi della nostra vita! Usciamo così dall’ Aula dei giochi e ci avviamo – attraverso la presa in carico della nostra esistenza – all’ “etica della responsabilità”.

SincronicitàCominciamo anche a prestare maggiore attenzione ad avvenimenti “casuali” del nostro vissuto quotidiano, che potrebbero contenere coincidenze significative e insegnamenti nascosti, secondo quanto indicato da Jung nell’analisi delle sincronicità. Riconosciamo, che, come afferma il teologo William Law: Il mondo esterno non è altro che uno specchio, una rappresentazione dell’interno. Ogni cosa e ogni varietà di cose della natura temporale, devono avere la loro radice o la loro causa nascosta in qualcosa che è all’interno.

E sentiamo, come la poetessa Virginia Woolf, che “il disegno nascosto” sotto la trama della Manifestazione è “un’opera d’arte” perennemente co-creata: Sotto al cotone grezzo della realtà quotidiana c’è un disegno nascosto. Tutti gli esseri umani vi sono connessi, il mondo intero è un’opera d’arte e noi ne siamo parte. (A Sketch in the Parks)

A contatto con tale consapevolezza, avvertiamo che dovrà essere nostra cura favorire:

la nostra personale realizzazione;
l’avanzamento dei nostri simili e dei fratelli minori degli altri regni di natura;
– lo sviluppo di Gaia, anch’essa parte evolvente del grande Uomo celeste.

In tale contesto, il concetto di “libertà”, tanto sbandierato nei nostri tempi, tanto banalizzato e “ridotto a misura dell’ego”, assume una nuova luce. Per il profano la libertà è spesso la gratificazione quanto più ampia possibile dell’ego; si dice, con un’espressione che sembra ispirata alla virtù civica della tolleranza, “La nostra libertà finisce dove comincia quella dell’altro”.

In realtà, la libertà, e molti altri termini “astratti” come verità, onore, dignità, si ampliano e si nobilitano ad ogni voluta della spirale; potremmo dire che sono come “contenitori vuoti” in cui ognuno mette quello che, conseguentemente alla sua personale rielaborazione, gli sembra il valore più alto nella tappa evolutiva in cui si trova.

Per l’uomo sul Sentiero, la Libertà è l’adesione volontaria e lieta alla parte che può intravedere del Piano divino. Tale visione diventa sempre più elevata man mano che egli sacrifica il suo piccolo sé per realizzare quanto ha intravisto. In sostanza, la sua piccola libertà diventa mezzo di manifestazione sulla Terra della Volontà e del Proposito divini, acquistandone, ovviamente, in ricchezza e dignità.

Il concetto di “libertà” è meglio compreso se collegato a quello di “Gerarchia”. L’uomo è un microcosmo immerso in un macrocosmo creatore e vivificatore, variamente definito: Cosmo, Natura, Causa Prima, Grande Architetto, Forza suprema, Energia, ecc. In tale macrocosmo, cui noi tutti apparteniamo, percorriamo un cammino a spirale nel corso del quale riviviamo più e più volte esperienze “dello stesso genere” (affetti, dolori, lutti, successi, separazioni, gioie, ecc.) ad un livello sempre più complesso e avanzato; in tal modo raffiniamo e miglioriamo gradualmente le “qualità” della nostra essenza, che portiamo con noi nelle successive incarnazioni.

Il macrocosmo è a sua volta inserito in un organismo ancora più grande, che è il corpo di un Grande Uomo celeste, e così via, in piani di esistenza che ancora non conosciamo. Le entità e gli agglomerati di sostanza sono interdipendenti e gerarchicamente ordinati: il maggiore com-prende e sostiene lo sviluppo del minore. La Legge della Gerarchia, che si manifesta nell’intero Universo, indica a ciascuno il proprio ruolo e la propria specifica “meta evolutiva” successiva.

Per l’uomo risvegliato, lo svolgimento del suo personale “progetto di vita” coincide con la sua “libertà”. Egli sa che all’uomo dotato di consapevolezza e capacità di amare è affidato un grande, arduo ma meraviglioso Lavoro: sostenere, con l’energia della Mente e del Cuore, il percorso evolutivo del Pianeta.

Il Pellegrino sul Sentiero scopre pertanto che Amore e Libertà coincidono alla sommità del monte, avendo compreso che l’atteggiamento costante di oblio di sé e amorevole cura, liberamente e lietamente scelto, “fa fiorire” qualità e potenzialità nel giardino del nostro mondo. Dante Alighieri esprime questo concetto, in un’alta sintesi, quando afferma – nel Purgatorio, cantica della purificazione – che “in Sua Volontate è nostra Pace”.

Tratto da: “Sul Sentiero I: Dalla divina inquietudine alla Gioia” di Mariabianca Carelli

Ringraziamo l’autrice per averci inviato questi meravigliosi scritti. (Ne seguiranno altri…)

Potrebbero interessarti...



Commenti

Il Caso e il “Mondo delle cause” — Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Altri articoli nella categoria "Esoterismo"

La vita dopo la morte, secondo C.W. Leadbeater

Vita ultraterrena

Il tema della “vita dopo la morte” è di grande interesse per tutti noi, per ovvie ragioni; quindi se ci fossero delle informazioni disponibili riguardo a questo argomento, noi tutti saremmo naturalmente molto ansiosi di averle.
Nel corso di secoli e millenni, ci sono state proposte varie teorie a riguardo, dalle diverse religioni. Eppure l’intera questione rimane sempre circondata da un alone di mistero e soprattutto di tristezza. La morte appare sostanzialmente sempre oscura e terribile. Siamo abituati a questo manto di tetraggine e non ne vediamo l’assurdità e la mostruosità.

La…

Continua a leggere →

Intelletto e Intuizione

Intelletto e Intuizione

di Mariabianca Carelli
Il processo di avvicinamento al proprio Sé conduce l’aspirante-ricercatore spirituale dall’uso dell’Intelletto al fiorire dell’Intuizione.
Questo avviene per fasi successive:

– per molto tempo l’uomo procede sul Sentiero usando la mente analitica, concreta; è questo lo strumento che ci rende abili nella vita pratica, per il quale l’imprenditore, il politico, l’economista, e noi tutti, svolgiamo le nostre attività e portiamo a termine i nostri progetti;

– in seguito, egli comincia a sviluppare la mente sintetica, astratta, che permette di…

Continua a leggere →

Esercizio del volere: la rinuncia come atto di amore

Esercizio del volere: la rinuncia come atto di amore

di Tiziano Bellucci
Occorre proporsi di cambiare in un dato tempo questa o quella abitudine. Imporsi di “cambiare” qualcosa in sé stessi durante la vita, sviluppa una enorme forza di comprendere ed interessarsi al mondo, agli altri.
Capire gli altri, “comprenderli” significa amare. Solo se capisco le necessità di un altro, cosa lo ha condotto nella sua biografia ad essere ciò che è, solo conoscendolo profondamente posso aiutarlo a migliorare il suo benessere interiore. E aiutare un altro è amare. Ma questa capacità di “comprendere”, che significa anche avere senso di…

Continua a leggere →

Il mondo assorbe l’Io dell’uomo

Percepire

di Tiziano Bellucci
Chi volge la sua attenzione al mondo, sa che osservarlo non è ancora comprenderlo; ma per comprenderlo deve “necessariamente” prima osservarlo. Il moto primo del conoscere è quindi il percepire.
Che sia l’Io il vero soggetto che percepisce, lo sperimentatore non lo viene a sapere dall’immediato percepire, osservare e comprendere, ma dal rivolgere verso tali attività l’attenzione: dal pensare su esse. Egli si sente un Io in virtù del fatto che le attività di percezione e comprensione gli rinviano il sentimento che lui è l’autore, il testimone o soggetto di…

Continua a leggere →

Il ruolo del femminile e del maschile per il divenire della Terra

Il ruolo del femminile e del maschile per il divenire della Terra

di Tiziano Bellucci
La donna dei tempi antichi aveva un rapporto diretto con le entità dell’universo e un ruolo di “ponte” tra la materia e lo spirito… poi, però, l’umanità smise di essere ispirata dalle donne, e incominciò a diventare “razionale”.
La donna rivestiva questo ruolo di mediatrice tra la materia e lo spirito. Riceveva dallo spirito le ispirazioni, le direttive dal mondo sovrasensibile: le cosiddette “muse” indovine, erano donne chiaroveggenti che effondevano nell’umanità bellezza e creatività. Attraverso la donna si è creata tutta la conoscenza…

Continua a leggere →

L’alterazione dell’attività percettiva nell’uomo

Vedere un fiore

di Tiziano Bellucci
Analizziamo un ostacolo che si pone come interferenza fra l’Io dell’uomo e la conoscenza del mondo.
Solitamente l’attività di percezione si attua tramite il passaggio: corpo fisico, anima e Io; l’apparire delle forme del mondo si realizza tramite tale connessione. Nell’anima o corpo astrale però sono presenti delle forze che tendono ad alterare i contenuti percettivi, i quali arrivano all’Io in modo distorto. Anziché lasciare passare intatte le impressioni oggettive ricavate tramite gli organi di senso fisici, queste vengono filtrate, ricevendo una…

Continua a leggere →

Tutto è Uno: il Monismo

Monismo

di Tiziano Bellucci
I limiti della conoscenza umana si fondano sulla non conoscenza di una verità occulta, ben chiara invece ai popoli antichi, perdutasi nei tempi dalla svalutazione inflitta dalla concezione materialistica; tale verità è inconosciuta alla maggior parte degli uomini ed è il fondamento su cui si basa il senso della vita dell’uomo e la sua missione.
“L’uomo non è affatto separato dal mondo, ma è uno con esso. Non esiste la molteplicità. Il mondo nella sua realtà non è affatto distinto, ma costituito di una sola unità”. Tale “condizione reale”, o “stato…

Continua a leggere →

La storia occulta dell’uomo

Cosmo spirituale

di Tiziano Bellucci
L’uomo proviene da una passata condizione spirituale.
La storia passata dell’uomo si basa su un primordiale distacco dall’essenzialità cosmica, nella quale l’uomo come essere spirituale era congiunto, e in comunione con essa, ma in uno stato della coscienza e della materia diverso da ora. In quello stato egli viveva a contatto con le essenzialità e le spiritualità, ma in piena dipendenza da esse. Come un neonato fra le braccia della madre. Tale madre si occupava di lui in tutto, essendo egli impossibilitato dal potersi autogestire, alimentarsi e sopravvivere….

Continua a leggere →

Luoghi di Potere ad alta energia

Stonehenge

di Rudi Toffetti
Sin dai primordi dell’umanità, l’uomo si è avvalso delle sue capacità extrasensoriali per individuare i punti della terra che avessero delle caratteristiche speciali sotto il profilo energetico-vibratorio, questo al fine di poter interagire con la Divinità in tutti i suoi aspetti, e stabilire con essa un contatto diretto.
di Rudi Toffetti

Sin dai primordi dell’umanità, l’uomo si è avvalso delle sue capacità extrasensoriali per individuare i punti della Terra che avessero delle caratteristiche speciali sotto il profilo energetico-vibratorio, questo al fine di poter interagire con la Divinità in tutti i suoi aspetti, e stabilire con essa un contatto diretto.
Questa connessione, attivata poi attraverso la ritualità e la preghiera, gli ha dato l’opportunità sia di relazionarsi ai cicli della natura e a quelli astrali (come per la semina, la germogliazione, la maturazione e conservazione del raccolto) sia di elevarsi spiritualmente, dandogli in alcuni casi la chiave di lettura della vita stessa…

Continua a leggere →

L’Acquario e l’arrivo dell’Età d’Oro

L'età dell'Acquario

di Omraam Mikhael Aıvanhov
L’Era dell’Acquario porterà grandi sconvolgimenti, ma la nuova vita che ne nascerà in seguito, sarà inimmaginabile in quanto a bellezza, splendore e armonia.
“l’Intelligenza Cosmica ha costruito l’essere umano in modo tale che egli possa raggiungere il suo pieno sviluppo, solo mantenendo il legame con un mondo superiore, da cui riceve la luce e la forza. Pertanto, finché gli esseri umani si fideranno unicamente del proprio intelletto limitato, mancherà loro la vera comprensione, e ne deriveranno errori catastrofici in tutti i campi. I loro intrighi, ispirati…

Continua a leggere →